Colonia, ventimila in piazza per la manifestazione pro Erdogan

Una folla sterminata di persone è scesa in piazza ieri a Colonia, in Germania, per mostrare il proprio supporto nei confronti del presidente turco Erdogan. I presenti, oltre ventimila, hanno inneggiato all’uomo più criticato del momento con lo slogan “Sì alla democrazia, no al golpe”: la massiccia partecipazione all’iniziativa, organizzata dall’Unione dei democratici turchi europei, è spiegabile con il fatto che proprio in quell’area della Germania vive oltre un terzo dei 3 milioni di turchi residenti in Germania (quella turca è la principale etnia straniera presente nel Paese).

La manifestazione ha creato molti grattacapi alle autorità tedesche. Oltre 2700 agenti delle forze dell’ordine sono stati messi all’opera, in vista dei pericoli derivanti da eventuali scontri (che per fortuna si sono ridotti a casi isolati) tra i sostenitori di Erdogan e i partecipanti alle quattro contromanifestazioni organizzate in città, alcune da movimenti di sinistra e una da un’organizzazione islamofoba di estrema destra.

Polemiche ci sono state anche sulla decisione della Corte Costituzionale tedesca di non permettere ad Erdogan il collegamento in videoconferenza  con i manifestanti, che attendevano con ansia il discorso del presidente turco: la decisione è stata osteggiata dal ministro turco per gli affari europei Omer Celik, che ha definito su Twitter la misura decisa dall’organo tedesco “contraria ai valori democratici”.

L’evento arriva in un momento molto delicato, contemporaneamente alla durissima repressione che Erdogan sta mettendo in atto in teoria contro i presunti fautori del fallito golpe, ma di fatto contro chiunque non sia in linea con gli ideali e la politica del suo governo. Continua infatti il lungo braccio di ferro che vede contrapposte Turchia e Germania, con la cancelliera Merkel che ha annunciato che in caso di reintroduzione della pena di morte Ankara non potrà entrare nell’Ue ed Erdogan che minaccia di annullare il patto migranti instaurato con Bruxelles se ai cittadini turchi non sarà permesso, entro ottobre, di entrare nel territorio dell’Unione anche senza il visto attualmente necessario.

colonia 2

 © Lineadirettaeuropa  All Rights Reserved / Tutti i diritti riservati Reproduction only with permission from www.lineadirettaeuropa.eu / Riproduzione solo con permesso di www.lineadirettaeAlzheimeruropa.eu