Ryanair investe in Italia: 44 nuove tratte e oltre 2000 nuovi posti di lavoro nel 2017

Dopo un lungo braccio di ferro con il governo Renzi, Michael O’Leary, proprietario di Ryanair, la compagnia aerea irlandese leader nel settore dei voli low cost, comunica il nuovo piano per il mercato italiano che partirà nel 2017: 10 nuovi aerei, investimenti per un miliardo di dollari e 44 nuove tratte percorse, tramite le quali si rafforzerà soprattutto il ruolo degli scali regionali, ai quali sarà data una importanza simile a quella degli aeroporti principali di Roma e Milano.
Lo scontro, in atto da diversi mesi, era legato alla proposta del governo di aumentare le tasse d’imbarco per una cifra attorno ai 2,5 euro per biglietto. Idea accolta negativamente dalle compagnie low cost e soprattutto da Ryanair, che nelle scorse settimane aveva annunciato la sospensione dei voli da e per gli scali di Pescara e di Alghero. Rientrato l’allarme per lo scalo abruzzese dopo il congelamento degli aumenti almeno per tutto il 2016, resta da risolvere il problema legato all’aeroporto sardo.
Il nuovo piano è stato presentato direttamente dal proprietario del colosso irlandese O’Leary nel corso di una conferenza stampa a Roma, a cui hanno partecipato anche Vito Riggio, presidente dell’ENAC, e Graziano Delrio, ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti. O’Leary ha salutato il piano come “il maggior investimento di sempre sul mercato italiano”. Dopo aver ringraziato il governo italiano per gli sforzi messi in atto, O’Leary ha poi continuato: “23 delle 44 nuove rotte saranno dedicate agli aeroporti regionali. Cresceremo nel prossimo anno di oltre tre milioni di passeggeri e creeremo circa 2250 nuovi posti di lavoro in Italia”.
Positivo anche il commento del ministro Delrio, secondo il quale il nuovo piano Ryanair “permetterà più voli, più turismo e soprattutto più occupazione”.
Tra le principali novità riguardanti gli scali secondari, come riporta il sito Repubblica.it, ci sono le tratte Bari-Liverpool, Palermo-Bucarest e Trapani-Praga per quanto riguarda il sud, mentre per il centro-nord saranno disponibili voli che da Bologna porteranno a Lisbona o Eindhoven e da Bergamo in Lussemburgo, a Vigo o ad Edimburgo.