Austria, rinviato il ballottaggio tra Hofer e Van der Bellen

Era in programma per il 2 ottobre, ma slitterà di quasi due mesi il ritorno alle urne degli austriaci per il ballottaggio relativo alle elezioni presidenziali. A comunicare il rinvio è stato il ministro dell’Interno del Paese Wolfgang Sobotka, che ha indicato come possibili date quelle del 27 novembre o del 4 dicembre (più probabile la seconda), confessando che questo spostamento costerà al governo austriaco due milioni di euro.

<script data-wid=”auto” type=”text/javascript” src=”//ads.viralize.tv/display/?zid=AABIWBNPlt3ZowC-“></script>

Il voto dello scorso maggio era stato invalidato dalla Corte costituzionale, che dopo aver riscontrato irregolarità durante gli spogli aveva chiesto la ripetizione del ballottaggio. In quell’occasione Alexander Van der Bellen, candidato dei Verdi, era riuscito a battere di misura l’avversario Norbert Hofer, esponente della destra antieuropeista, prevalendo su di lui per circa 30000 voti, la maggior parte dei quali provenienti da elettori residenti all’estero che hanno votato per corrispondenza. Proprio quelle preferenze sono state oggetto del ricorso presentato ( e vinto) da Hofer, in cui venivano segnalate stranezze nelle procedure di spoglio.

Il risultato del ballottaggio sarà particolarmente importante per capire se gli austriaci continueranno ad appoggiare le decisioni dell’Ue o se sceglieranno di operare un netto cambio di direzione eleggendo Hofer.