Confronto Clinton-Trump, per “Politico” e Mentana è “il dibattito peggiore di sempre”

Accuse, nervosismo e scandali sono stati gli ingredienti principali del secondo confronto in tv, avvenuto la scorsa notte, tra i due aspiranti presidenti degli Stati Uniti, il magnate repubblicano Donald Trump e l’ex first lady democratica Hillary Clinton. Il dibattito è iniziato con le accuse della Clinton all’avversario dopo lo scandalo legato alle dichiarazioni registrate in cui il tycoon, qualche anno fa, insultava le donne e dichiarava con spavalderia di poter fare qualsiasi cosa alle persone dell’altro sesso. La brutta figura di Trump ha provocato una serie di rinunce da parte di chi aveva promesso di sostenerlo durante la campagna elettorale: l’ex segretario di stato Condoleeza Rice, il senatore John McCain e tanti altri hanno dichiarato infatti di non voler più appoggiare il candidato repubblicano.

Il confronto è poi continuato su temi altrettanto miseri, con Trump che ha risposto alle accuse della Clinton con una promessa: “Se dovessi diventare presidente la prima cosa che farei sarebbe nominare un procuratore per investigare su di te”. Il riferimento è al caso delle mail cancellate dalla candidata democratica durante l’inchiesta sull’uso del server privato, quando la donna era a capo del dipartimento di Stato.

Solo dopo oltre mezz’ora i due si sono addentrati nei temi strettamente politici, quelli che probabilmente faranno la differenza da qui alle elezioni del prossimo mese. Le novità rilevanti sugli argomenti di stretta attualità sono però state poche, se si esclude l’apertura di Trump a un possibile accordo sul fronte anti-terrorismo con Siria, Russia e Iran, gli unici Paesi per il candidato repubblicano, “che combattono davvero l’Isis”.

Secondo il primo sondaggio della Cnn la Clinton si sarebbe aggiudicata il confronto per il 57% degli spettatori, mentre solo il 34% ha preferito Donald Trump. A vincere, in questo secondo confronto, sono state però sicuramente la bassezza dei toni e la banalità dei temi discussi. Secondo “Politico”, il sito di informazione con sede a Bruxelles, si è trattato del “dibattito più brutto di sempre”.  Rincara la dose il direttore del Tg La7 Enrico Mentana, che sul suo attivissimo profilo Facebook esprime la propria opinione a proposito del confronto: “La prima mezz’ora del dibattito di questa notte tra Trump e Hillary Clinton è la peggior pagina politica che io ricordi. Le più vergognose scene della nostra televisione trash” scrive il giornalista “sono un cartone Disney al confronto: e la cosa più deprimente è che uno dei due tra un mese sarà il presidente degli Stati Uniti”.

© Lineadirettaeuropa All Rights Reserved / Tutti i diritti riservati Reproduction only with permission fromwww.lineadirettaeuropa.eu / Riproduzione solo con il permesso di www.lineadirettaeuropa.eu