Clima, Obama in Europa per difendere l’accordo di Parigi

Clima, Obama in Europa per difendere l’accordo di Parigi

Condividi
Reading Time: 1 minutes

Il presidente americano uscente Barack Obama sta compiendo proprio in questi giorni il suo ultimo viaggio in Europa da inquilino della Casa Bianca. Nella sua prima tappa in Grecia, conclusasi con il discorso all’Acropoli di Atene, ha incontrato il premier Alexis Tsipras e il presidente della Repubblica Prokopis Pavlopoulos. Sarà la sua permanenza a Berlino ad essere però fondamentale: in Germania Obama parlerà con i leader europei per comunicare loro le sue intenzioni per quanto riguarda i rapporti futuri tra Usa ed Europa. Al centro del dialogo ci sarà soprattutto il clima, e le misure da adottare in futuro per porre un freno al surriscaldamento globale.

Obama ha già incontrato la cancelliera tedesca Angela Merkel, e insieme hanno inviato un messaggio, indiretto ma molto chiaro, al neo presidente Donald Trump. I due hanno firmato congiuntamente un testo, pubblicato in esclusiva dal settimanale economico Wirtschaftswoche, in cui viene sostenuta la causa dell’accordo sul commercio transatlantico (Ttip) e si pone come principale l’impegno a difesa dell’accordo di Parigi e del clima in generale.

Negli stessi Stati Uniti, inoltre, Starbucks, Nike e altre 360 imprese hanno invitato il presidente eletto Donald Trump e gli altri leader mondiali a mantenere l’impegno per l’accordo di Parigi sui cambiamenti climatici. Tra gli altri firmatari ci sono aziende importanti come Unilever, il gigante della chimica Dupont e l’azienda di tecnologia Hewlett Packard. Leggi qui la dichiarazione: http://www.lowcarbonusa.org/.

Obama terminerà il suo viaggio venerdì 18, quando incontrerà, sempre a Berlino, i leader di Francia, Gran Bretagna ed Italia Francois Hollande, Theresa May e Matteo Renzi.