Euroweek-Plenaria: gli argomenti di discussione

Euroweek-Plenaria: gli argomenti di discussione

Condividi
Reading Time: 3 minutes

La seduta plenaria del parlamento europeo rappresenta uno dei momenti principali dell’attività politica comunitaria. In questo appuntamento si raccolgono i frutti del lavoro quotidiano svolto dalle commissioni e dai gruppi politici presenti in Parlamento e si dà l’opportunità ai deputati, rappresentanti degli elettori, di contribuire in maniera forte al processo decisionale, tramite il confronto con Commissione europea e Consiglio europeo. La plenaria si tiene una volta al mese, solitamente non a Bruxelles ma nella cittadina francese di Strasburgo, dove per qualche giorno si trasferiscono gli apparati della politica comunitaria.

Alla plenaria partecipano attualmente oltre 700 deputati che parlano 24 diverse lingue: proprio per questo addetti ai lavori, interpreti e traduttori sono sottoposti a regole ferree sui tempi e sulle modalità di intervento. Il Parlamento europeo tornerà a riunirsi la prossima settimana, ecco di cosa si parlerà a Strasburgo:

Lunedì

Draghi sui tassi di interesse: I deputati discuteranno lunedì sera, insieme al presidente della BCE Mario Draghi, della bassa e geograficamente non uniforme crescita nella zona euro, dei tassi di inflazione bassi e della mancanza di investimenti nell’economia reale. Una risoluzione sarà votata il Martedì.

Martedì

Relazioni UE-Turchia: Si discuterà con l’Alto Rappresentante Ue per gli Affari Esteri Federica Mogherini sull’eventualità che i negoziati di adesione della Turchia all’Ue debbano essere congelati o, in alternativa, sottoposti ad ulteriori condizioni. Giovedi invece sarà votata una risoluzione. Quattro mesi dopo il tentativo di colpo di stato in Turchia, nel Paese guidato da Erdogan si sta andando nella direzione di un deterioramento della democrazia che non favorisce i rapporti con l’Ue.

Difesa Ue: I deputati esorteranno i paesi membri dell’UE a intensificare la cooperazione con l’obiettivo di rafforzare la difesa e affrontare un possibile calo della sicurezza in e per l’Europa. Martedì si voterà una risoluzione in cui si deciderà se dedicare almeno il 2% del PIL alla difesa, istituire una politica di difesa comune e consentire alle forze armate di lavorare meglio insieme. Sempre martedì, alle 15.00 è prevista una conferenza stampa con il relatore Urmas Paet. Il mercoledì i deputati voteranno una risoluzione sulle operazioni comuni di formazione in Iraq per sostenere gli Stati membri che combattono Daesh.

Priorità economiche per il 2017: Il vicepresidente della Commissione Valdis Dombrovskis illustrerà le principali priorità economiche dell’UE per il 2017 e segnalerà i progressi raggiunti dalla politica economica grazie al lavoro di coordinamento degli stati membri. I deputati chiedono alla Commissione europea di dare priorità agli investimenti nei campi dell’innovazione, della crescita e della creazione di posti di lavoro, sostenendo inoltre riforme strutturali socialmente equilibrate.

Mercoledì

Qualità dell’aria: Mercoledì si voterà per decidere se introdurre tetti nazionali più ambiziosi alle emissioni in modo da frenare ulteriormente, entro il 2030, l’inquinamento atmosferico. Limiti di inquinanti per sostanze come ossidi di azoto, particolato e biossido di zolfo sono già stati informalmente concordati sotto la Presidenza olandese del Consiglio. L’inquinamento atmosferico provoca circa 400.000 morti premature all’anno nell’UE.

Propaganda russa e islamista: Secondo la risoluzione redatta da Anna Elzbieta Fotyga, l’Ue dovrebbe rispondere alla guerra delle informazioni da parte della Russia e dei terroristi islamici con messaggi forti e più sensibilizzazione. La relatrice terrà una conferenza stampa mercoledì alle ore 15.00. (Discussione Martedì, Mercoledì votazione)

Premio LUX Film: Il vincitore della 10 ° edizione del Premio del cinema LUX sarà annunciato mercoledì 23 novembre dal presidente del Parlamento europeo Martin Schulz durante una cerimonia nella camera di Strasburgo. I finalisti di quest’anno sono “come Apro gli occhi” di Leyla Bouzid, “La mia vita come una zucchina” di Claude Barras e “Toni Erdmann” di Maren Ade. Martedì si terranno invece un seminario per i giornalisti con deputati, registi e attori, e una conferenza stampa con i direttori dei tre film.