Giornata mondiale AIDS: rapporto Unicef. Dall’OMS l’auto-test HIV, da domani in farmacia

Giornata mondiale AIDS: rapporto Unicef. Dall’OMS l’auto-test HIV, da domani in farmacia

Condividi
Reading Time: 2 minutes

Arriva anche in Italia l’auto-test per l’Hiv da domani in farmacia senza ricetta. Una puntura sul dito, poche gocce e 15 minuti di attesa.

In anticipo di un giorno sulla Giornata Mondiale dell’AIDS, l’OMS ha anche pubblicato nuove linee guida in materia di auto-test HIV per migliorare l’accesso e la diffusione della diagnosi.

Secondo il nuovo rapporto dell’OMS, la mancanza di progressi sulla diagnosi di HIV è uno dei principali ostacoli alla realizzazione della raccomandazione secondo la quale a tutti i malati di HIV dovrebbe essere proposta la terapia antiretrovirale (ART).

Il rapporto rivela che più di 18 milioni di persone con HIV sono attualmente curati con ART e un numero simile sarebbe ancora in grado di accedere alle cure, ma la maggior parte di essi non e’ consapevole del suo status di HIV positivo.

“Milioni di persone con HIV sono ancora privi di un trattamento salva-vita, che può anche prevenire la trasmissione dell’HIV ad altri” ha dichiarato Margaret Chan, Direttore Generale dell’OMS.

“L’auto-test HIV dovrebbe rendere consapevoli molte più persone sul loro status e scoprire come ottenere accesso a servizi di trattamento e prevenzione”

L’auto-test agevola l’analisi ed innalza la privacy. Le persone possono utilizzare una goccia di sangue dal dito, come per il diabete in un ambiente privato e conveniente. I risultati sono pronti in 20 minuti o meno. Quelli con risultati positivi sono invitati ad effettuare test di conferma presso i centri sanitari.

“Con l’offerta di auto-test HIV, siamo in grado di permettere alle persone di scoprire il proprio status di sieropositivita’ ed anche di informare i loro partner e incoraggiarli a fare il test”, ha affermato Gottfried Hirnschall, Direttore del Dipartimento HIV dell’OMS.

“Questo dovrebbe portare più persone a conoscere il loro stato ed ad essere in grado di agire su di esso. L’auto-test sarà particolarmente rilevante per quelle persone che possono trovare difficoltà ad accedere al test in ambito clinico e potrebbero preferire l’auto-test”.

Tra il 2005 e il 2015 la percentuale di persone consapevoli del loro status di HIV è aumentata dal 12% al 60% a livello globale. Questo aumento di diffusione in tutto il mondo ha portato ad oltre l’80% di tutte le persone con diagnosi di HIV ad essere trattate con ART.

L’Unicef afferma inoltre che “Ogni 2 minuti un adolescente, con molte probabilità una ragazza, contrae l’HIV”, con un aumento del 60% dei nuovi casi di HIV fra gli adolescenti entro il 2030.

“Sono stati fatti enormi progressi per porre fine all’AIDS, ma la battaglia è ancora lontana dall’essere conclusa, soprattutto per quanto riguarda i bambini e gli adolescenti” ha dichiarato il direttore generale UNICEF Anthony Lake.

Scarica il rapporto Unicef: ‘For Every Child: End AIDS’ – UNICEF