Euroweek-Plenaria: gli argomenti di discussione

Euroweek-Plenaria: gli argomenti di discussione

Condividi
Reading Time: 3 minutes

La seduta plenaria del Parlamento Europeo rappresenta uno dei momenti principali dell’attività politica comunitaria. In questo appuntamento si raccolgono i frutti del lavoro quotidiano svolto dalle commissioni e dai gruppi politici presenti in Parlamento e si dà l’opportunità ai deputati, rappresentanti degli elettori, di contribuire in maniera forte al processo decisionale, tramite il confronto con Commissione europea e Consiglio europeo. La plenaria si tiene una volta al mese, solitamente non a Bruxelles ma nella cittadina francese di Strasburgo, dove per qualche giorno si trasferiscono gli apparati della politica comunitaria.

Alla plenaria partecipano attualmente oltre 700 deputati che parlano 24 diverse lingue: proprio per questo addetti ai lavori, interpreti e traduttori sono sottoposti a regole ferree sui tempi e sulle modalità di intervento. Il Parlamento europeo tornerà a riunirsi la prossima settimana, ecco di cosa si parlerà a Strasburgo:

Martedì

Award premio Sakharov. Nadia Murad e Lamiya Aji Bashar, sostenitori pubblici per la comunità yazidi in Iraq e superstiti di schiavitù sessuale da parte del cosiddetto Stato islamico, riceveranno il Premio Sakharov del Parlamento europeo per la libertà di pensiero in una cerimonia martedì a mezzogiorno. Un seminario per i giornalisti si terrà al mattino, a partire dalle 8:45. Una conferenza stampa congiunta dei vincitori con il Presidente del Parlamento europeo Martin Schulz si svolgerà subito dopo la cerimonia di premiazione alle 12:30.

I diritti fondamentali nell’UE. Gli Stati membri dell’UE dovrebbero “astenersi dall’incitamento della paura e dell’odio nei loro cittadini nei confronti dei migranti e dei richiedenti asilo per guadagni politici”, afferma un progetto di risoluzione sui diritti fondamentali nell’Unione europea. I deputati rivolgono anche preoccupazioni per la protezione dei bambini in un ambiente online e dei diritti alla libera circolazione e l’aborto salva-vita. Una conferenza stampa da parte del relatore è prevista per Martedì alle ore 14:30. (Dibattito Lunedi, Martedì votazione)

Presidenza slovacca in uscita. I risultati della uscente Presidenza slovacca del Consiglio dei Ministri dell’Unione europea saranno discussi dai leader dei gruppi politici con il primo ministro della Slovacchia, Robert Fico e il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker nel pomeriggio di Martedì. Malta assumerà la presidenza di turno di sei mesi nel mese di gennaio.

Mercoledì

Pacchetto ferroviario. Mercoledì saranno votate nuove regole per le offerte negli appalti pubblici per la fornitura di servizi di trasporto ferroviario di passeggeri nei paesi dell’UE e per aumentare lo sviluppo di nuovi servizi commerciali. Una conferenza stampa è prevista per le ore 15:00. (Dibattito Lunedi, Mercoledì votazione)

Preparativi del vertice UE. Mercoledì mattina i deputati daranno il loro contributo al vertice del Consiglio europeo di dicembre in un dibattito sulle questioni più urgenti delle politiche UE, compresa la migrazione, la sicurezza e la difesa, l’economia, posti di lavoro per i giovani, le relazioni con la Russia e Brexit.

Giovedì

Sospensione Visa. Nuove regole per ripristinare più velocemente l’obbligo di visto sui cittadini di paesi terzi saranno messe ai voti in plenaria giovedi. Secondo le nuove regole, i requisiti per i visti possono essere ripristinati se vi è un sostanziale aumento della migrazione irregolare o domande di asilo infondate, mancanza di cooperazione in materia di riammissione dei migranti o minacce per la sicurezza interna o pubblica dell’UE. (Dibattito Mercoledì, Giovedì votazione)

Emissioni di gas serra. Una proposta legislativa per allineare il sistema di emissione dell’UE, che mira a ridurre le emissioni di gas ad effetto serra industriali con gli obiettivi fissati a Parigi per il cambiamento climatico, sara’ messa al voto dalla commissione ambiente. Essa comprende proposte per prevenire le cosiddette “fughe di carbonio”, per cui le aziende muovono la loro produzione in paesi con misure climatiche meno ambiziose. (Giovedì)

Dichiarazione comune sulle priorità dell’UE per il 2017. I presidenti del Parlamento Ue, Consiglio e Commissione firmeranno per la prima volta una dichiarazione congiunta su un insieme comune di settori chiave in cui si impegnano a compiere progressi sostanziali nel prossimo anno.