Cibo, la missione è combattere lo spreco alimentare: in prima linea c’è...

Cibo, la missione è combattere lo spreco alimentare: in prima linea c’è Sfreedo

Condividi
Reading Time: 3 minutes

Lo spreco alimentare rappresenta uno dei problemi più grandi e allo stesso tempo tra i più sottovalutati della società di oggi. Per decenni, dopo la rivoluzione legata alla lavorazione industriale del cibo, abbiamo prodotto alimenti in quantità eccessive per poi renderci conto, solo pochi anni fa, che gettare tutti quei prodotti e tutto il lavoro delle persone per produrlo è un vero e proprio delitto nei confronti dell’umanità. Dal 1974 ad oggi lo spreco alimentare è aumentato del 50% e secondo un’analisi condotta dalla FAO ogni anno finiscono nelle pattumiere di tutto il mondo 1,3 miliardi di tonnellate di cibo, circa un terzo rispetto ai 4 miliardi prodotti. In Italia la situazione non è molto migliore, dato che solo con il cibo che viene buttato via ogni anno si potrebbero sfamare 44 milioni di persone, ossia tre quarti della popolazione residente in Italia. Come se non bastasse, lo spreco alimentare determina anche uno sfruttamento eccessivo delle risorse, in particolare di quelle idriche. Per ovviare a questo problema, ovviamente inizialmente su scala territoriale, è nato Sfreedo, il progetto fondato dal casertano Michele Bellocchi che sabato 17 alle 16.00 e domenica 18 dicembre alle 22.00 sarà in piazza San Donato a Sala (frazione di Caserta) al fianco di Slow Food per il “Terra Madre Day”, una festa natalizia in cui protagonisti saranno i prodotti tipici del territorio e il rispetto per il cibo e l’ambiente. In poco più di un anno di attività, Sfreedo ha permesso solo nella provincia di Caserta di vendere otto tonnellate di cibo che altrimenti sarebbero rimaste invendute e quindi buttate via.

spreco-alimentare

Il sistema con cui opera Sfreedo, il cui slogan è “Ultima chance allo spreco” è geniale e piuttosto semplice: grazie ai moderni mezzi di comunicazione come Whatsapp e i social network Sfreedo offre la possibilità di acquistare prodotti prossimi alla scadenza a prezzi notevolmente ridotti. Questo consente ai consumatori di risparmiare acquistando alimenti ancora ottimi, e ai negozianti di evitare sprechi e di recuperarne il capitale:

il cibo che eventualmente non viene venduto rientra nella categoria Sfreedo Bag e viene ceduto gratuitamente dagli esercenti ai clienti che ne facciano richiesta o alle Onlus territoriali. Sono già 7000 le persone che fanno parte della comunità Sfreedo solo a Caserta e dintorni. Ridurre lo spreco alimentare è una delle priorità anche della Commissione Europea, e questo fa capire ancora di più quanto sia importante la missione portata avanti da Sfreedo: proprio nelle ultime settimane infatti Vytenis Andriukaitis, commissario europeo per la Salute e la Sicurezza alimentare, ha auspicato la nascita di una piattaforma contro il “food waste” che coinvolga istituzioni pubbliche europee, nazionali e locali, industrie di produzione agro-alimentare, catene di distribuzione, Ong e organizzazioni caritatevoli nell’unico obiettivo di rendere più efficienti i meccanismi per evitare gli sprechi. Secondo il commissario si tratta di una grande occasione non solo per rispettare l’ambiente e destinare il cibo “avanzato” alle persone che soffrono la fame, ma anche per creare innovazione e posti di lavoro nei Paesi europei. L’idea di base della Commissione Ue, condivisa con Sfreedo, è che la data di scadenza sia soprattutto un’indicazione, in certi casi nemmeno necessaria: “Se su una bottiglia d’acqua c’è scritto da consumarsi entro l’11 dicembre, non significa che non si può bere il 12 dicembre. Le date di scadenza sono diventate in certi casi strumenti di marketing utili alle industrie per vendere più prodotti” ha detto in un’intervista al quotidiano “Il Foglio” Andriukaitis, che sta pensando di eliminare le etichette che riportano le date di scadenza da alcuni prodotti non particolarmente sottoposti al deperimento.

Entro fine gennaio 2017 potremo scaricare ed utilizzare l’app Sfreedo. Intanto per attivare il servizio in provincia di Caserta è sufficiente inviare un messaggio Whatsapp con scritto “Ok Sfreedo + Nome e Cognome” al numero 366 6241059.