Se il passeggero non indossa la cintura di sicurezza è responsabile il...

Se il passeggero non indossa la cintura di sicurezza è responsabile il conducente

Condividi
Reading Time: 2 minutes

Cintura di sicurezza, per l’Osservatorio Legalità, oggi l’avv. Dezio Ferraro ci informa sulle novità per la Corte di Cassazione:

con la sentenza n.11429/2017, depositata il 9 marzo u.s., la SC ribadisce un principio già consolidato nella giurisprudenza di legittimità circa l’efficacia incidentale del comportamento della vittima sul nesso di causalità.

 A seguito di una modifica di una sentenza di I grado da parte della Corte d’appello di Ancona, ricorrevano per Cassazione gli imputati a mezzo dei propri difensori, denunciando violazione di legge e vizio di motivazione con particolare riferimento all’atteggiamento della vittima, che aveva preso posto nell’autovettura senza indossare il dispositivo di sicurezza previsto per legge, integrando, tal sì, una condotta eccezionale, imprevedibile, indipendente dal fatto del reo e, pertanto, idonea ad interrompere il nesso eziologico tra l’evento infausto e il comportamento degli imputati.

 La SC respinge ogni censura dei ricorrenti. Secondo la diagnosi motivazionale della Corte di Cassazione, l’individuazione del nesso di causalità tra l’azione dei soggetti agenti e l’avvenimento morte e lesioni della vittima è stato congruamente giustificato tanto dal Giudice di prime cure quanto dalla Corte territoriale.

 Come già espresso in altri precedenti della Suprema Corte (Sez. IV, n. 9311 del 29.01.2003, Sez. IV, n. 9904 del 27.09.1996), i Consiglieri della Quarta Sezione, nella pronuncia in commento, esprimono il principio di diritto a tenore del quale «Il conducente di un veicolo è tenuto, in base alle regole di comune diligenza e prudenza, ad esigere che il passeggero indossi la cintura di sicurezza e, in caso di sua reticenza, anche a rifiutarne il trasporto o ad omettere l’intrapresa della marcia. Ciò a prescindere dall’obbligo e della sanzione a carico di chi deve fare uso della detta cintura».

 E allora…. occhio alla cintura!